Diretta dall'Antartide

La base Concordia si presenta

Sabato 12 novembre, ore 13:00-14:00

SALA PIAVE - Polo Tecnologico Trentino Sviluppo

Dome C (75°S, 123°E) è uno dei luoghi più freddi, secchi, remoti e inospitali della Terra. Le temperature salgono raramente al di sopra dei -25°C in estate e possono superare i -80°C in inverno, con una media annuale di -54,5°C.

Il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide e l’Istituto Polare Francese Paul-Émile Victor, si sono spinti nel 2005 proprio lassù, a 3233 m slm sul plateau orientale antartico, per costruire Concordia, una stazione di ricerca italo-francese dove si svolgono attività scientifiche in molteplici campi. Durante l’inverno australe, l’intera base è gestita da un ristretto team multiculturale di 12 persone, che rimangono in totale isolamento fisico per almeno nove mesi.

Concordia, dove la meteorologia riveste un ruolo fondamentale, è una delle principali stazioni dell’Osservatorio Meteo-Climatologico Antartico. Qui vengono infatti effettuate misure meteorologiche durante tutto il corso dell’anno, grazie a strumenti al suolo e sondaggi in quota. Queste consentono le operazioni di volo, il monitoraggio degli effetti delle variazioni climatiche in Antartide e contribuiscono alla banca dati della rete mondiale GTS-WMO utilizzata dai centri operazionali internazionali per elaborare previsioni del tempo e futuri scenari climatici.

Lorenzo Moggio e Giampietro Casasanta, ricercatori appena rientrati dall’inverno a Concordia, collegheranno in diretta il Festival con i loro successori attualmente in spedizione alla stazione Concordia, raccontando al pubblico le attività che si svolgono a Dome C e leggendo in tempo reale i dati di un radiosondaggio.

INGRESSO GRATUITO

Pulizia quotidiana della AWS Milos 520 (Vaisala) © PNRA/IPEV/ESA